L’ultima campagna di Mango è “photoshop free”: la moda vende di più con immagini di donne vere e imperfette

Domenica scorsa, colta dalla voglia di fare shopping, ho fatto il mio giro negli shop online di fiducia. Tra questi, oltre Zara e H&M, c’è anche Mango. Ebbene si, sono un’appassionata di moda a basso costo in particolare per i capi che indosso quotidianamente.

Con mia grande sorpresa sul sito di Mango, e questo potete appurarlo anche voi, la campagna Autunno-Inverno 2018/2019 presenta delle novità. No, non si tratta della tendenza animalier ancora in voga e nemmeno del ritorno della salopette anche nella versione con gonna, la novità che ho visto con i miei occhi è racchiusa nella campagna stessa; nella scelta di modelle tra i 30 e i 40 anni simili alle donne comuni che ogni giorno vediamo quando usciamo di casa.

Come ho fatto a notare che erano donne comuni? Perché non sono state ritoccate con photoshop. Nelle foto, in particolare nei primi piani, hanno in evidenza le prime rughe d’espressione; segno dell’età che avanza.


Un nuovo modo di comunicare attraverso le immagini che fa riflettere e da consumatrice può farmi solo che piacere. Non c’è niente di meglio che vedere qualcosa di estremamente realistico: quel capo o quell’accessorio indossato da una donna che potresti essere tu, con tutte le tue imperfezioni.

Sono decenni che la pubblicità, in modo particolare nel settore moda, ci ha inondato di campagne pubblicitarie fuoro luogo scegliendo testimonial non in linea con il target di riferimento. Cari brand, non abbiamo bisogno di sognare vedendo una modella perfetta, ma piuttosto abbiamo solo bisogno di vedere concretamente quanto è bello ciò che avete creato e se magari può fare al caso nostro.

Fateci innamorare delle vostre creazioni con emozione. Ad esempio, a me, questa scelta ha emozionato parecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *