Loft Cafè in Falegnameria: l’angolo esclusivo a Finale Emilia dove regna la contaminazione delle idee

Immaginate di trovarvi in viaggio tra una città all’altra dell’Emilia. Nel caso specifico immaginate di dover percorrere spesso la strada che conduce Ferrara a Modena e viceversa, proprio come faccio io.

Chi conosce bene quel pezzo di Emilia contraddistinto da lande umide ma piene di frutto sa bene che è bello godersi il panorama dalla propria auto. Sa bene che arriverà da una parte all’altra dell’Emilia nel giro di qualche minuto e d’ora in avanti, dopo questo mio contributo, spero che si sappia anche un’altra cosa: in quella parte di strada c’è un angolo in fermento dove regna la contaminazione delle idee e tutti sono i benvenuti.

Come vi dicevo, in quel tratto c’è un paese strategico, Finale Emilia. È impossibile evitarlo perché è il nodo che collega il modenese al ferrarese.
Nella via per Ferrara, al civico 81/a, precisamente al km 44,04, salta all’occhio un’azienda che spicca tra le altre per il rigoglioso contesto verde e l’immagine fortemente innovativa. È il Lab Creativo della Falegnameria Gilli con una importante storia imprenditoriale iniziata ben cinquantasei anni fa.

Vi ho parlato di Lab Creativo perché parcheggiando facilmente in quella via e in quel civico non ci troviamo di fronte ad un’unica attività imprenditoriale. Qui c’è di più che va oltre l’immaginario di ognuno di noi.

Il benvenuto è “open mind”, cioè di larghe vedute, ed è dato dal Loft Cafè in Falegnameria.
Cos’è? Vi starete chiedendo…
In poche parole è difficile descriverlo ma per quello che mi è arrivato nella pelle, nella mia pelle, posso dire a chiare lettere che è un angolo lifestyle nel senso più puro dove è possibile prendersi cura del proprio corpo e della propria mente. Insomma, coccolarsi per rigenerarsi attraverso i sensi.

Il Loft Cafè in Falegnameria è alimentato da luce calda e vibrazioni positive grazie al filo conduttore con cui è stato creato: la cura del dettaglio. Il design nuovo si lega benissimo alla tradizione di alcuni complementi d’arredo che trovate nel contesto. Tutto è armonioso. Tutto ha un senso. Tutto desta piacevole stupore. Quel tutto c’è ed è lì per essere vissuto.


Arrivati a questo punto, dopo averlo visitato e aver partecipato all’inaugurazione della mostra di Matteo Nannini che consiglio di andare a vedere per la bellezza delle opere (trovate il resoconto dell’evento sul mio account Instagram nell’album in evidenza con il nome Reporter), vi svelo cinque motivi per andare al Loft Cafè. Ne rimarrete sicuramente e piacevolmente colpiti, nonché soddisfatti:

1. È un luogo magico e ricco d’ispirazione. Io c’ho trascorso un paio di ore e sono tornata a casa carica di nuove idee perché i miei occhi si sono posati dove c’è un seme attivo. Dove non c’è nessun limite all’immaginazione.
2. Si mangia bene e in modo sano. Dalla colazione alla cena, senza dimenticare il momento aperitivo, è un’esperienza di gusto. La selezione con cui sono state scelte le materie prime dei piatti, dei vini, dei caffè e delle acque in bottiglia fa venire voglia di chiudere la cucina di casa e mangiare al Loft tutti i giorni.
3. Positività, professionalità e cortesia. Tre aspetti importanti che a mio avviso oggi fanno la differenza. Sono stata accolta con il sorriso, sono stata introdotta nel loro modo di fare food con professionalità e sono stata coccolata con delicatezza. Questo mix di ingredienti è per tutti, nessuno escluso.
4. La zona fitness. All’interno del Loft Cafè c’è una piacevole scoperta tutta da vivere, una zona estremamente comfort per chi ama prendersi cura del proprio corpo. Potete trovare lo studio a disposizione del team di professionisti e l’area fitness. Concedersi il tempo per fare allenamento, previa visita e disposizione medica in loco, e premiarsi con un buon pasto è il lusso del nuovo millennio dove la fretta regna sovrana.
5. Sentire e vivere la magia del legno. Il legno, considerato il core business della Falegnameria Gilli, si vede. C’è.
Il legno è un elemento che ci lega alla Terra: è vivo, scricchiola, si muove, risorge come una fenice e ci arricchisce.
Dove tutto è frenetico, dove tutto è labile e a tratti sbiadito qui c’è un punto di riferimento.
Un punto fermo ma in evoluzione aperto a tutti coloro che vogliono vivere una esperienza totalizzante.


Per guardare la mia video-intervista clicca qui.

Per informazioni sul Loft Cafè in Falegnameria invece clicca qui.

1 Comment

  • Roberto Quercioli ha detto:

    Ottima analisi ed un chiarissimo messaggio. Non conosco giornale e reporter ma cercherò di approfondire anche con altri articoli. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *