Piccola parentesi sul mio summer tour in Sicilia. Traghettare: come e perché con le prenotazioni online

sea-ocean-boat-ship

Nell’area travel del mio blog da qualche settimana sto portando avanti a puntate i momenti salienti della mia estate 2016 in Sicilia. I post precedenti che trovate in archivio hanno avuto molto successo. Grazie, grazie, grazie perché seguite sempre le mie avventure con tanto interesse!
Pertanto, visto l’interessamento al tema, ho deciso di condividere con voi anche qualche news logistica nel caso in cui aveste il desiderio di andare in Sicilia nei prossimi mesi.

Vi avevo già anticipato nella prima puntata che il viaggio di andata l’avevo fatto in treno a causa della mia fobia per l’aereo; paura che poi ho superato al ritorno grazie alla mia amica Lu.

Chi come me decide di andare in Sicilia in treno o in auto deve per forza “traghettare”. Nel senso che la tappa obbligatoria prevista è a Villa San Giovanni, il punto più vicino dalla Calabria verso la Sicilia, e poi navigare tre/quattro chilometri di mare che separano la punta dello stivale dall’isola per un viaggio di circa venti minuti. Ci sono molti calabresi (che saluto perché so che mi leggono), tra lavoratori e studenti, che traghettano ogni giorno verso la Sicilia; soprattutto per raggiungere Messina. Quindi l’operazione è veramente molto semplice.

È possibile traghettare fisicamente ma anche con l’auto, cioè arrivate in Calabria in auto e poi entrate nel traghetto con l’automobile. Questa è una soluzione ideale soprattutto per le famiglie.
Finora l’ho preso senza portare con me l’automobile, anche perché il viaggio in auto dall’Emilia fino alla Calabria non è una passeggiata. Nel caso in cui non portiate il vostro mezzo di trasporto personale è possibile noleggiare auto sul posto prima o dopo il viaggio in traghetto.

La traversata in mare è veramente molto tranquilla. Non si soffre il mal di mare e anche chi lo soffre solitamente vi assicuro che non lo soffrirà. Mi spiego: il viaggio dura pochissimo, il traghetto non percorre il mare a velocità folli, quindi il tutto sembra estremamente dolce.

In Sicilia il traghetto che parte da Reggio Calabria si ferma a Messina. Da lì poi si possono prendere altri mezzi di trasporto per percorrere tutta l’Isola. L’ideale è fare un viaggio a tappe partendo dalla costa orientale fino a quella occidentale.

Organizzare il proprio viaggio verso la Sicilia via mare è facile e veloce grazie all’online. Esistono infatti numerose soluzioni di prenotazione online di traghetti per la Sicilia  che vi permettono di viaggiare in piena tranquillità. Le prenotazioni possono essere fatte con largo anticipo così da permettervi di avere tutta la tabella di marcia sotto stretto controllo – è il caso di dirlo!

Se avete paura di abbandonare la terra ferma cercate di superare il tutto in compagnia di qualcuno di cui vi fidate. Precludersi un viaggio verso la Sicilia è veramente un peccato. Perché? Perché è una terra stupenda che a me ha dato tanto: una migliore amica, una estate fantastica e del sole che ha ricaricato le mie ossa. Di sicuro mi vedrà presto!

E poi, in questo periodo dell’anno, dove da me in Emilia fa già freddino in Sicilia ci sono temperature miti e gradevoli. Un motivo in più per prendere tutto e partire.

Alla prossima puntata della mie estate 2016 in Sicilia!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>