Tutto quello che puoi fare a tavola con i semi naturali

Come promesso, e con diverse settimane di ritardo, visto che Expo si avvicina (anche se queste curiosità hanno una validità nel tempo) voglio spiegarvi qualche segretuccio sull’utilizzo dei semi naturali a tavola. In particolare sui semi di girasole, di sesamo, di lino e di finocchio. Questi sono gli unici che ho trovato al supermercato vicino casa, ma la natura ce ne mette a disposizione migliaia! Basta scoprirli e cercarli in commercio. Mi raccomando scegliete solo semi biologici perché in questo modo sarete sicuri sull’assenza dei trattamenti dannosi per l’organismo.

Premetto che da quando utilizzo questi semi a tavola – e non ancora per uso cosmetico – ho riscontrato solo benefici come ad esempio senso di sazietà immediato, regolarità intestinale e capelli più lucenti.

Entrando nello specifico voglio fare una scheda seme per seme su come li sto utilizzando, con quali alimenti li ho abbinati e per cosa fanno bene.

 

SEMI DI GIRASOLE
Tra i suddetti è quello più croccante e sfizioso, forse perché sono più grandi. Ha un sapore gradevole tendente al dolciastro che si avvicina molto al pop corn. Per una consumazione ottimale, e per esaltarne i sapori, consiglio di tostarli qualche minuto in una padella antiaderente senza aggiungere olio o altro ingrediente. I semi di girasole si possono consumare da soli come antipasto, snack oppure per arricchire un’insalata.
A livello nutrizionale sono ricchi di vitamina E, cioè quella vitamina che contribuisce alla protezione delle cellule dallo stato ossidativo. Se poi aggiungete anche le bacche di Goji la bomba anti-age è assicurata!


SEMI DI SESAMO
Anche questi semi sono molto gustosi poichè possiedono una buona base oleosa. Io li ho sostituiti al pane grattato per le panature di carne e pesce. Infatti sono ottimi per creare una crosticina croccante a pollo e tonno, senza utilizzare “collanti” alimentari come le uova (quindi le calorie diminuiscono enormemente).
I semi di sesamo sono molto versatili perché si abbinano a piatti salati e dolci. Ad esempio sono ottimi nello yogurt, in una fetta biscottata con un velo di marmellata o sul caramello fatto in casa.
I semi di sesamo sono ricchi di rame che contribuisce alla normale pigmentazione dei capelli e della pelle e alla normale funzione del sistema immunitario. Quindi per prevenire i capelli bianchi fate scorta di semi di sesamo!


SEMI DI LINO
I semi di lino sono i più oleosi tra quelli che ho citato. Ve ne accorgete presto mettendoli da soli in padella come letto per la carne: vi ritroverete una consistenza gelatinosa, non eccessiva, che vi permetterà di caramellare senza bruciare. Li consiglio soprattutto nella carne bianca.
Al palato sono un po’ fastidiosi ma al piatto donano un sapore leggero e gradevole. Evitateli a crudo, almeno io non li riesco a mangiare, e preferiteli sempre cotti.
I semi di lino sono ricchi di Omega 3, cioè acidi grassi buoni, che contribuiscono al mantenimento di livelli normali di colesterolo nel sangue.


SEMI DI FINOCCHIO
Hanno un sapore molto intenso e sono quelli più leggeri tra i semi di girasole, sesamo e lino. Sono ottimi nelle verdure e ideali per creare sfiziosità negli aperitivi. Ad esempio marinando olive nere con olio, limone e semi di finocchio farete un figurone!
I semi di finocchio sono ottimi anche negli impasti salati per pagnottine e crackers. Cotti non hanno molto senso per il semplice fatto che la loro consistenza è secca e non riuscibbero a rendere al meglio. Nelle insalate idem!
I semi di finocchio sono ricchi di potassio che contribuisce alla normale funzione muscolare, al normale funzionamento del sistema nervoso e al mantenimento di una normale pressione sanguigna.

 

Ricettone finale: ora prendete semi di girasole, sesamo, lino e finocchio con una manciata di noci e preparate il pane fatto in casa con farina integrale. Il vostro corpo vi ringrazierà!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *