Dubsmash nuova tendenza social: doppiaggio in playback caricato con un videoselfie

dubsmash

Su instagram e su facebook da qualche settimana girano video esiralanti con il watermark Dubsmash.com. Ve ne sarete accorti vero? Non solo adolescenti, ma anche tante donne e uomini si sono fatti contagiare da questa nuova tendenza social. Presa da curiosità, come sempre, mi sono documentata.

Di cosa si tratta?
Dubsmash è una applicazione scaricabile da supporti Ios e Android che permette di doppiare in playback. Alcuni la definiscono l’evoluzione del selfie perchè in pochi giorni ha contagiato tantissimi utenti, ma c’è da fare una distizione: il selfie è una foto qui parliamo di video. Non credo neanche sia l’evoluzione di Vine perchè la finalità è diversa. L’app è stata sviluppata in Germania ed è uscita a metà novembre circa. E chi l’ha creata c’ha visto giusto e anche molto lungo visto il successo che sta avendo.

Cosa permette di fare?
Se decidete di scaricare Dubsmash sul vostro supporto multimediale potrete registrare video sulla base delle citazioni e dei jingle proposti in archivio. Successivamente sarete in grado di condividerli sui vostri social, come ad esempio instagram e facebook, e farli diventare virali. I botta e risposta tra utenti, anche in privato su WhatsApp, sono iniziati. Finiranno mai?!

È a scopo ludico o commerciale?
Per ora Dubsmash è stato utilizzato da utenti privati o vip per scopi ludici, cioè di gioco per divertirsi, ma non si esclude nulla. Le idee sul web sono così veloci e fuori dagli schemi che potrebbe partire il lampo di genio a qualche community manager o digital pr.

Per farvi un’idea di cosa sto parlando digitate l’hashtag #dubsmash su instagram e guardate la quantità stratosferica di video caricata. Buon divertimento!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>