Credo nel té (con la cannella): questione di riti e volersi bene

IMG_20150107_184618

Ho iniziato questo 2015 condividendo sulla mia pagina facebook una delle mie più grandi passioni a tavola: il tè. Perchè nella mia vita questa bevanda ha sempre avuto un significato importante.
Mi ricorda mio zio che, ogni mattina prima di andare a scuola, me lo preparava in tazza grande con abbondante limone. Mi ricorda mia zia che, ogni pomeriggio all’ora della merenda, mentre io e mia sorella facevamo i compiti spezzava il silenzio di concentrazione con il suo tono squillante: «Ragazze, volete una tazza di tè con due biscottini?». E mi ricorda sempre loro, entrambi, che quando avevano ospiti a casa nel pomeriggio non esitavano a tirare fuori dalla credenza il servizio buono per preparare una tazza di tè da condividere con frolle e crostate. Sono vissuta come Alice nel Paese delle Meraviglie, ma i miei zii non erano come il Cappellaio Matto e il Leprotto Bisestile: erano due tesori lucidi e tanto grandi!

Ora, che loro non ci sono più, mi ricorda ad esempio mia sorella: tiene sempre la teiera carica sul fuoco per sorseggiarne un goccio in compagnia. Infatti, quando si fanno chiacchere insieme, il tè non manca mai. A casa mia di sicuro non manca mai! L’abitudine l’ho ereditata anche io: tant’è che – la mattina, il pomeriggio o la sera – almeno una tazza ci scappa.
Per questo, quando vi dico che per me il tè è importante, lo faccio con cognizione di causa. E mi limito solo a questo, perchè ho tanti bellissimi ricordi che porto nel cuore legati a questo rito. Sì, perchè il tè non è solo una bevanda, ma un vero e proprio rito, come lo considerano in Inghilterra, Giappone e Marocco.
Il tè è un collante, un pretesto, un mezzo per condividere con il palato e con il cuore un momento della giornata. Va bene sempre, a parte la notte (lì entrano in gioco le tisane).

Inutile dirvi quanto fa bene una tazza di tè. Ce ne sono di tipologie diverse, in base al taglio e alla raffinatura, basta solo documentarsi. In linea generale:

– Aiuta ad introdurre più liquidi nel corpo e ad espellerne con facilità altrettanti (mi capiranno tutte le donne che soffrono di ritenzione idrica)

– Contrasta la diffusione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare

– Riduce le malattie di natura cardiovascolare

– Disintossica l’organismo dalle tossine del cibo e delle cattive abitudini (come il fumo!)

– Intensifica il senso di sazietà e durante le diete, in cui vorresti mangiare anche i mobili di casa, è un toccasana

Per quanto riguarda i tipi di tè io preferisco l’English Breakfast, i migliori Lipton e Twinings, non solo a colazione ma anche in altri momenti della giornata. Questo perchè ha un sapore molto deciso e speziato.
Tra i tè verdi adoro gli aromatizzati come quello alla vaniglia e al gelsomino che vedete nella foto della mia scatola. Il tè verde ha un sapore molto legnoso per il mio palato, ma il gelsomino e la vaniglia addolsciscono le sue note spigolose.

Ieri verso le 19.00 (con due ore di ritardo rispetto al canonico rito del tè inglese), come mi accade spesso quando lavoro da casa, mi sono preparata una tisana ai frutti rossi bio. L’ho tirata fuori dalla scatola delle tisane che tengo in cucina: un regalo azzeccatissimo di mia sorella e che consiglio di farvi – o farvelo fare – perchè se amate degustare bevande calde ordinerà il vostro universo.

PicsArt_1420653803961
Il mio ingrediente “in più” è la cannella: come una polvere magica ne esalta il gusto, lo addolcisce in maniera naturale senza aggiungere calorie. Inoltre, la cannella è un altro elisir di bellezza con proprietà antibatteriche e antisettiche. A livello visivo vi sembrerà di aver aggiunto del cacao amaro, ma con il vantaggio che di amaro nel vostro palato ci sarà ben poco. La cannella è dolce e armoniosa come una donna.

Provate…
provate!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>