Report colpisce ancora: a Gucci… va di lusso?

Dopo il caso Moncler Report, il noto programma d’inchiesta a cura di Milena Gabanelli in onda su Rai 3, ieri sera è tornato all’attacco nei confronti del mondo della moda e in particolare del settore lusso.
Durante la puntata e anche dopo sui social, soprattutto su twitter, si sono registrati picchi di tweet e retweet molto alti grazie agli hashtag #GucCina e #Gucci (quest’ultimo entrato addirittura nei trending topics). Sulla pagina facebook del brand, come è accaduto per il caso Moncler, non sono mancati i commenti di sdegno. Insomma, siamo alle solite, ci troviamo di fronte ad un “film” già visto.
Perchè la denuncia da parte del team Gabanelli si rivolge al modo in cui Gucci opera nella sua filiera produttiva.
Le borse che troviamo in boutique, e per cui sbaviamo ogni volta in cui passiamo davanti alla vetrina o al sito web, sono il frutto di lavoro manuale puramente Made in Italy? Valgono il prezzo di cartellino (e come si vede in foto estrapolato dal video 830 euro ad articolo)? Rappresentano e valorizzano il nostro paese nel senso lavorativo e artigianale più alto del termine?

10849864_903748086302875_4232532207723047786_n
Secondo l’inchiesta mandata in onda ieri in prima serata a quanto pare no. Il mio consiglio è quello di vedervi lo stralcio della puntata per trarre le vostre conclusioni.
Sul web, come sempre, c’è chi esternalizza il proprio punto di vista in maniera netta.
C’è chi non si allarma più di tanto perchè si sa che nel lusso il prezzo non è dato solo dalla materia prima e dalla manodopera, ma anche dal marketing e dalla comunicazione. Insomma, il ricarico è più che giustificato e gli ultimi due elementi citati possono costare molto caro. Per il brand e, ovviamente, dopo a noi.
Invece, c’è chi proprio non la manda giù perchè si sente tradito o truffato; questioni di punti di vista.
Una cosa è sicura: l’acquisto di un bene di lusso è una scelta. Non lo ordina il medico di famiglia. Pertanto, a prescindere su come operano questi brand, ognuno di noi è libero d’investire il denaro come meglio crede. Magari per avere tra le mani l’oggetto tanto desiderato o ottenere uno status attraverso un capo o un accessorio griffato.
Quindi, secondo me, anche dopo questi scossoni il mercato, quello del lusso, non cambierà. Ci troviamo di fronte ad un colosso troppo grande e l’apprezzamento del consumatore supera ogni cosa, anche tutto questo.

Aggiornamento: durante la giornata di oggi è arrivata la replica di Gucci che trovate qui.

Aggiungo: a me Gucci è sempre piaciuto e nei prodotti da me acquistati finora ho trovato standard di qualità alti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *