[FASHION & LOOK] POTENZIALMENTE SIAMO TUTTI FASHION BLOGGER

Come ho scritto sul blog che gestisco nell’online del quotidiano la Nuova Ferrara ieri sono stata al Festival Internazionale. In settimana al mio punto di riferimento in redazione avevo proposto di scovare i look al Festival Internazionale e la redazione ha risposto con molto entusiasmo in maniera affermativa. Così l’ho fatto: mi sono persa per le vie di Ferrara con la mia reflex al collo al fine di catturare i look di tutti coloro che, con grande coinvolgimento per la manifestazione, hanno partecipato al Festival Internazionale. Martedì sul cartaceo e nell’online vedrete questo editoriale fashion, ma qui dalle mie parti – in via del tutto informale – voglio fare un ragionamento con voi.
Da quando la mia rubrica è cambiata, molto più orientata allo street style con il coinvolgimento di “comuni mortali” che vivono la città, ho capito che la voglia di condividere il proprio look non è riservata solo ad una classe precisa; ad esempio a quella dei blogger di moda. Tutti, forse grazie ai social e al loro potere, hanno voglia di condividere la visione personale e personalizzata della moda in maniera completamente libera. E allora ieri sera, dopo questa conclusione avvenuta a fine giornata di street style puro a catturare con la reflex lo stile degli altri, mi è venuta in mente una delle ultime campagne pubblicitarie Carpisa.
In occasione della VFNO Carpisa ha lanciato questa bag con un messaggio forte, soprattutto per la politica di comunicazione abbracciata dal marchio in precedenza dove aveva coinvolto numerosi blogger.
La campagna si basa su tre principi: no blogger, no influencer, just me. Cioè su quello che indosso conta solamente il mio parere e non quello di un blogger o di una influncer del web.
Devo dirvi la verità, io non me la sono presa quando è stato presentato il messaggio perchè personalmente come blogger mi limito a raccontare ciò che mi piace e come agisco nel mio settore lavorativo. Ciò che indosso può non piacere agli altri, ma piace a me. Fa sentire bene me e questo è l’importante.
Mi capita certo, anche sul giornale, di soffermarmi sui trend ma sempre con molto distacco. Nel senso: io ve li racconto, ma poi sta a voi filtrare ciò che può andare bene o no per il vostro corpo. Nulla è imposizione, la stessa moda non lo è; si limita tutto al suggerimento.
Ora, non voglio rinnegare nulla neanche il mio status di fashion blogger (anche perchè sono più conosciuta come blogger che altro), ma la conclusione democratica secondo me è questa: potenzialmente siamo tutti fashion blogger.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *