[FASHION & LOOK] VITUSSI: LE LUSSUOSE BORSE SCRIGNO MADE IN SICILY

Le creazioni Vitussi nascono a Mondello, piccolo borgo marinaro sulla spiaggia di Palermo, nel laboratorio di famiglia di Vito Petrotta Reyes.
Cresciuto tra i colori e l’odore della creta del laboratorio di ceramica della nonna Linda Chauffourier e in mezzo alle tele dello studio di pittura della madre Fulvia Reyes, dopo tanti anni dedicati ad altro, in giro per il mondo, Vitussi decide di tornare a Palermo, in quello spazio che è stato il suo mondo magico, un luogo senza tempo dove tutto è possibile.
Il marchio Vitussi dà vita inizialmente alla Collezione del Sultanato di Abali (www.abali.it ): capispalla, lussuosi e ironici, fatti con meravigliosi tessuti d’arredamento che diventano magicamente cappotti, giacche, gilet.
Dopo la collezione di abiti, la riscoperta del vecchio laboratorio di famiglia che, dopo molti anni di inattività, viene trasformato in officina creativa.
Qui prendono corpo i progetti, il metallo delle cornici viene forgiato a fuoco e modellato, le pelli e i materiali in ficodindia tagliati, assemblati, cuciti e avvitati, fino alla nascita delle borse della collezione Vitussi.
Nella produzione dei telai in ottone, poi cromati, argentati o dorati, sono stati coinvolti alcuni laboratori degli argentieri della vecchia Palermo sul punto di chiudere i battenti, pronti ad una nuova avventura.
Vitussi definisce la sua collezione di borse scrigno “senza tempo”, per sottolineare la lontananza dalle logiche commerciali dove tutto deve cambiare in fretta per inseguire il mercato.
L’obiettivo è di creare un prodotto di nicchia, che abbia un’anima, eccellente sotto tutti i suoi aspetti, dove design e artigianalità italiana, insieme alla ricerca di nuovi materiali, possano ritrovarsi in una sintesi perfetta.
«È giunto il momento di allontanarsi dal concetto tradizionale di borsa come porta oggetti. É la borsa stessa che diventa il fine ultimo del suo essere. Essa può anche racchiudere qualcosa ma è nata per essere portata, per diventare l’oggetto di attenzione, di ammirazione, per essere una espressione artistica, capace di suscitare emozioni» dice Vito Petrotta Reyes. «È per questa ragione che le borse Vitussi sono destinate esclusivamente ad una “donna elegante ed ironica” che, con il suo carattere forte, possa reggere gli sguardi e compiacersi del suo acquisto».
Nella collezione è proposto un nuovo materiale ricavato dalla trasformazione delle pale di ficodindia dalle quali viene estratta la retina di fibra legnosa che regge la pianta. Dopo averla pulita, sovrapposta, resinata e talvolta colorata, diventa uno dei principali materiali per la realizzazione delle borse, unico per la sua naturale eleganza, trasparenza e resistenza.
Al ficodindia, simbolo di una Sicilia dalla natura selvaggia e dalla tradizione antica, sono stati affiancati anche vari tipi di pelle dipinta e traforata a laser oltre all’ottone, all’oro, al plexiglass e alla resina con cui sono stati creati i manici.
Questo giovane marchio italiano crea borse che esaltano la femminilità in modo unico e prezioso. La lavorazione dei metalli, ottone, argento e oro, tipica delle botteghe artigianali palermitane, è rivisitata e impreziosita in chiave artistica e moderna.
La sfavillante struttura dello scrigno, apparentemente fredda, è “scaldata” dalla pelle di cavallino, traforato retrò o unito a pois, che ne esalta le linee con sofisticata eleganza.
Autentica novità tutta Vitussi l’uso del ficodindia resinato e colorato che diventa materiale ricercato dalle preziose venature. Un regalo alla terra d’origine di Vito Petrotta Reyes, l’anima e cuore del nuovo brand che celebra la selvaggia e autentica Sicilia con sottile eccentricità.
Ferri da stiro d’epoca in formato mignon, filo spinato, rubinetti ricoperti d’oro e piccoli cilindri trasparenti contenenti champagne, bolle di lava vulcanica o polvere d’oro: pezzi d’autore non solo per le forme e l’uso di materiali ma anche per la scelta dei colori decisi, dal verde acido, al rosso fuoco, dall’arancione, all’azzurro fino al pois nero su giallo che crea il contrasto bicolore, must della prossima stagione autunno inverno.
Bianco e grigio scuro, colori solitamente difficili da accostare, diventano sinonimo di classe senza fine. Tessuti con trame inconsuete enfatizzano il contrasto liscio freddo-morbido caldo valorizzando le più svariate mise.
I preziosi scrigni con interni con ricamo personalizzato di Vitussi fanno innamorare al primo sguardo grazie alle infinite varianti di materiali, forme, texture e preziosi dettagli per un unico, personale, divertente, accattivante gioco che esalta la propria personalità.
Le borse si possono personalizzare scegliendo il telaio, il colore o disegno delle pelli, il colore del fico d’India, la dimensione e la forma.

 

Dopo la preview allo Scoop International Fashion Show di Londra, la collezione di borse scrigno Vitussi è stata presentata al Super di Milano dove ha catturato l’interesse della stampa e degli addetti ai lavori grazie alla sua dirompente originalità.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *