[BEAUTY] MONALYS FIRENZE: L’ATELIER DELLA PELLE PER CREME VISO SU MISURA

Il viso è il primo biglietto da visita che abbiamo e racconta ciò che siamo ai nostri interlocutori prima di parlare. Ogni lineamento, sguardo o particolare passa dal viso e la pelle è la tela su cui “lavorare” quando dobbiamo agire con il trucco. Quindi se la nostra “tela” è buona e curata il risultato sul “quadro” sarà ancora più bello!
E non a caso cito un quadro perchè Monalys, la bottega artigianale della bellezza nel cuore del centro storico di Firenze in via Maggio al civico 13 rosso, ricorda per nome il concetto di unicità della Monna Lisa di Leonardo da Vinci. Dopo la parte introduttiva e tecnica che trovate in questo post, vi porto con me nel viaggio pratico.
All’ingresso di Monalys la sensazione è strana ma tutta piacevole: si entra in un luogo di pace in contrasto con il caos cittadino. Un luogo magico e silenzioso, caratterizzato da un design immacolato stile spa e farmacia vecchio stile, dove potersi prendere il tempo di fare il punto della situazione sulla propria pelle del viso; aggiungo: un’operazione da fare almeno una volta nella vita!

Il procedimento è facile: prima di tutto occorre recarsi da Monalys con la pelle pulita completamente struccata, in questo modo si facilita l’operazione di analisi da parte dello staff altamente specializzato.
Il secondo punto è caratterizzato dalla compilazione di un questionario che servirà per capire l’età del cliente, le abitudini e lo stile di vita che ovviamente influisce sulla bellezza della pelle. Subito dopo si passa al macchinario composto da una camera ad hoc e un monitor collegato. Questi strumenti, assolutamente non invasivi, permettono alla professionista Monalys di ottenere le informazioni necessarie sullo stato della pelle del viso. Una sorta di mappatura profonda e dettagliata.  

Dopo pochi minuti ho scoperto di avere una pelle ancora in buono stato ma disidratata e da purificare. Un profilo non facile se consideriamo che la disidratazione e la purificazione sono degli opposti. Quindi mi serve un prodotto nutriente ma che non unga troppo e che riesca ad agire sulle zone sensibili. Su questo avevo già l’intuizione perchè ho sempre combattuto con la secchezza e nello stesso tempo le impurità. Sembra un controsenso, una missione impossibile, ma per Monalys non lo è. Non lo è stato. 

Dopo aver raccolto tutte queste informazioni lo staff è passato nel laboratorio per la creazione del prodotto su misura partendo da una crema base. Prima di procedere, però, mi è stato chiesto se preferivo la soluzione in crema o in siero. Io ho optato per la prima perchè uso crema dall’adolescenza e con il siero non mi ci trovo bene.
Dopo pochi minuti, come per magia, è stata creata la mia crema per il mio tipo di pelle: la crema Francesca Succi.
Una crema che per composizione rimane nel loro archivio associata al mio nome assieme alla scheda tecnica; una scheda che viene aggiornata ogni volta che il cliente si reca da Monalys perchè come sapete il nostro stato è in continua evoluzione. 
Non si descrive la gioia nel sapere che esiste un prodotto specifico per me, solo per me, e la mia bellezza dopo aver provato e cambiato per anni prodotti su prodotti. 

Come vedete dalle foto la confezione lussuosissima e curata in ogni dettaglio contiene la crema Monalys per Francesca Succi. Ogni persona può avere la sua con il suo nome. E il bello è che non è solo apparenza, ma soprattutto sostanza.
Arrivata a casa ho voluto subito provarla. Dopo la detersione della sera ho applicato una puntina, e sottolineo puntina perchè all’Atelier mi hanno detto di non eccedere con le dosi in quanto il prodotto è molto concentrato, sul viso.
Ho subito sentito una sensazione di benessere donata dalla profumazione e la consistenza così vellutata e leggera. Sembra strano, ma finalmente ho una crema viso che mi nutre contrastrando la secchezza, ma nello stesso tempo non unge e quindi purifica opacizzando. Insomma l’elisir segreto per le mie complicazioni.

Ringrazio ancora tutti coloro che hanno lavorato per la riuscita di quest’evento e le colleghe che hanno vissuto con me questa magia.
Grazie Monalys! Ora che ti ho scoperto non ti lascio più.

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *