[DELLA SERIE SONO SEMPRE SUL PEZZO] MODA E LUXURIA: A TU PER TU CON LA VLADI

Attrice, scrittrice, conduttrice televisiva, autrice teatrale e prima transgender eletta nel Parlamento di uno Stato europeo, Vladimir Luxuria ieri è stata ospite di TAG – Festival della Cultura LGBT per presentare il suo nuovo romanzo edito da Bompiani, L’Italia Migliore.
Fresco di stampa, L’Italia Migliore racconta la storia di Camilla e Marianna, due sorelle separate da una vita diversissima. Camilla vive in un paese di provincia e conduce una vita tranquilla, anonima, con il marito, un bambino e la vecchia madre malata di Alzheimer. Marianna è invece una nota conduttrice tv che si fa di coca e ha ottenuto il programma L’Italia Migliore andando a letto con il disgustoso direttore di Italia tv, una immaginaria rete privata. La trasmissione prevede sei personaggi che hanno compiuto atti di eroismo, uno per puntata. Gli ascoltatori eleggeranno con il televoto il vincitore, e questi otterrà un premio in denaro. Ma i concorrenti sono davvero degli eroi votati all’accoglimento degli altri? E Marianna è proprio solo una star tutta bizze e tic nervosi? Forse no. Forse la falsa cartomante che a Roma l’ha convinta a tornare al paese per un incontro con l’anziana madre malata non aveva torto, era uno strumento di un destino bizzarro ma necessario. C’è un dramma alle spalle di Marianna, episodi di violenze domestiche, e molti sono i colpevoli nella sua famiglia. Tornare a casa significherà confrontarsi con gli attori di quel dramma, con se stessa, con una vita che reclama un senso finale.

Vladimir Luxuria sa parlare con semplicità e forza del dolore e della violenza, in un libro in cui la critica corrosiva ai vizi della società dello spettacolo si salda alla rappresentazione cristallina della femminilità violata del suo personaggio più riuscito.
Madrina delle più importanti manifestazioni glbt, da Mister Gay al Festival del Cinema Gay di Torino, Vladimir Luxuria a TAG ha raccontato il suo impegno per i diritti civili e di cittadinanza delle persone omosessuali, condividendo il suo punto di vista sulla legge contro l’omofobia e la transfobia, e sui matrimoni tra omosessuali. 
A fine presentazione sono riuscita anche a fare una chiaccherata con lei sul suo essere donna e il suo stile sempre molto curato. Ecco cosa mi ha detto. Buona visione!

15 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *