[SI… VIAGGIARE] GIUDITTA VISCARDI: LA DECORATRICE DI CERAMICHE DI MONTERIGGIONI

DSC_0094
Finora ho sempre incrociato artisti del gioiello uomini. Non so perchè. Forse è un caso. Mi ero abituata a pensare che fossero solo ed esclusivamente uomini a poter creare qualcosa di bello per una donna. Poi, invece, quando incontri la perla rara ti ricredi e pensi: allora le donne per le donne riescono a creare qualcosa di costruttivo. Una dedica materiale.
Come raccontavo nell’altro post, al numero 33 di una viuzza tra le mura del Castello di Monteriggioni, sorge una bottega artigianale dedicata principalmente al gioiello. Scrivo principalmente perchè non ho visto solo bijoux, ma anche accessori per la casa (così mi piace chiamarli visto che la casa è come una persona da curare e accessoriare). 
Il gioiello però è la punta di diamante di questa artista che quel giorno in bottega non c’era, ma ad accoglierci, al suo posto – e credo con la stessa carica come solo un uomo innamorato sa fare – , vi era il compagno. Ho ascoltato le parole con cui ha raccontato la passione dell’amata, per l’appunto i gioielli artigianali, è rimanerne affascinati è stato un attimo.
Ho potuto sentire molto affetto e  coinvolgimento, come se la creatrice di tutto quello che stavo vedendo fosse presente. Quando dico che le parole fanno magie non è uno scherzo!
Io in questi casi parlo poco, ma ascolto molto. Sembro assorta nei miei pensieri invece ho l’orecchio che tende a non perdere nulla. Per capire e documentarmi ho chiesto un biglietto da visita, ma solo dopo aver acquistato un paio di orecchini che credo entreranno tra i miei preferiti: pendenti a forma di rose in metallo argentato. Chiamatemi romantica o semplicemente amante dei classici senza tempo, ma tra i tanti modelli questi hanno catturato la mia attenzione.
Solo oggi ho aperto il pacchettino, sapientemente preparato dal cavaliere di Giuditta, che contiene gli orecchini; come per non voler far volare la magia di un luogo, di un momento e di un tocco d’artista. E solo oggi mi sono messa a leggere il bigliettino da visita di Giuditta Viscardi che esordisce con parole fiabesche: la dolcezza delle colline toscane nei decori di Giuditta. E continua…
Decori che rappresenta in ogni oggetto. Perchè qualsiasi cosa se assemblata bene può prendere forma no?! Dagli artisti dovremmo imparare molto: vedere oltre quello che non c’è e cercare di sentirsi realizzati grazie alle piccole cose. Almeno questa è stata la mia impressione, sbagliata o no rimane la mia. Quella che ho sentito tra le mura di questa piccola bottega di un paesino in una collina, nel cuore di mura ancora forti per contenere un gioiello nel gioiello.

Nella seconda foto potete vedere che tra i gioielli emerge un mini espositore di Clio make up nel suo programma. Beh, Giuditta Viscardi ha avuto l’onore di far indossare uno dei suoi gioielli a Clio e ad una partecipante del programma in onda su Real Time.

La forza e la volontà portano ovunque!

10 Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>