[BEAUTY] L’ELISIR DI LUNGA BELLEZZA? L’OLIO DI MANDORLE DOLCI

IMG_20130327_162014

Da quando l’ho provato la prima volta non l’ho più abbandonato. Non credevo fosse così prezioso per la mia routine quotidiana di bellezza. Sinceramente, credevo di trovarmi di fronte all’ennesimo olio – unto per antonomasia – in grado di farmi impazzire con pelle e vestiti. Ma così non è stato!
Dalla prima volta è stato amore. Amore per me e la mia pelle. Perchè l’olio di mandorle dolci bisogna prima scoprirlo e poi provarlo. E non fermatevi alla raccomandazione generale dell’idoneità esclusiva per le donne in gravidanza. L’olio di mandorle dolci può essere utilizzato da tutti: grandi e piccini. Anzi, soprattutto per i piccini escludendo gli altri oli con base alla paraffina.

Da quando è nel mio bagno lo sto utilizzando per:

- Idratare il corpo dopo la doccia. Ho mandato in pensione le mie creme e ora per me dopo la doccia c’è solo olio di mandorle dolci. L’unico che idrata a fondo la mia pelle e mi fa sentire fresca tutta la giornata.

- Idratare unghie e cuticole durante la manicure. Anche qui al bando creme mani, ma solo olio di mandorle perchè è più penetrante.

- In aggiunta nella mia maschera viso homemade.
Per non far seccare la pelle e rendere lo scrub meno aggressivo.

- Per preparare uno struccante bifasico homemade.
Dove l’olio di mandorle dolci sarà la parte oleosa e un infuso bello carico di camomilla la parte acquosa. Provatelo e poi ditemi. Per gli occhi è più sano questo che qualsiasi altro costoso struccante bifasico esistente in commercio!

- Per ammorbidire le punte dei capelli.
Io non lo sto usando per questo perchè devo ancora finire l’olio di sapote, ma può essere la base per un buon impacco, oppure, semplicemente come base per lo styling. Se lo utilizzate come impacco lasciatelo agire tutta la notte.

E voi usate l’olio di mandorle dolci? Per quale usi?

9 Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>