[FASHION & LOOK] FASHION IN THE CITY IL NOME DELLA MIA RUBRICA DI BUON AUSPICIO PER FERRARA CON LA SFILATA LE ROCK A/I 2013 – 2014

Quando la redazione chiama, Francesca risponde. E siccome in redazione sanno che amo la moda, vivo di questo e scrivo di questo, allora gli è sembrato spontaneo inviarmi alla sfilata di presentazione della collezione autunno/inverno 2013 – 2014 Le Rock.
E se il caporedattore chiede “Lo conoscevi già questo brand?” e io rispondo “Certo! E l’ho visto indosso a tanti vip”, allora vanno a colpo sicuro. 
Così ieri ho partecipato alla sfilata, mi sono emozionata, sono tornata immediamente nella casa di Ferrara, e con il tablet (non so voi, ma io con il tablet non riesco a scrivere gli articoli vado troppo lenta) ho partorito il pezzo; partorito è il termine giusto. Invio il materiale alla redazione e corro via.
Torniamo al secondo punto: mi sono emozionata. Si, mi sono emozionata. Questo è il motivo per cui mi piace assistere di più alle sfilate in streaming a casa, dal mio pc. Di persona l’occhio mi diventa lucido, e se la sfilata e in una location storica come il Castello Estense, comincio a farmi dei viaggi percorrendo epoche lontane. Ecco, un punto ve l’ho svelato: la location della sfilata Le Rock era nel (mio, lasciatemelo dire dai!) Castello Estense. Più precisamente nella Sala degli Stemmi, aperta per l’occasione dopo il terremoto. Ma l’emozione è salita anche perchè qualcuno ha capito che Ferrara è una città in cui si può fare moda. Una città che ha tanto da dare sotto tanti punti di vista, e più persone e brand celebri, se ne stanno accorgendo. Leggete qua, sono sempre io che vi scrivo. Il mio sogno di portare Ferrara ad alti livelli al pari di altre città della moda, forse, non è proprio una chimera. No?! E, ovviamente, io non ho fatto nulla. Non ancora. Io, mi limito solo a scoprire, raccontare, sognare… per l’appunto.
Ritorniamo a noi. Alla realtà. Come mi ha raccontato Alberto Vecchiattini prima dell’evento, Luca Berti, creatore della linea, ha voluto sfilare a Ferrara per rispondere alla scossa fisica del terremoto. Una scossa positiva, alla moda e piena di carattere; dico io. Mi starete sicuramente rimproverando: va bene, dai arriva al punto cosa hai visto di bello?
Ho visto molto lusso, eleganza e contrasti a non finire. Tessuti trattati, ma dall’aria morbida. Linee particolari, ma senza volgarità. Un vedo non vedo sensuale. Un nero non nero. Un gold non eccessivo. Con colori che vanno dal senape al rosa, fino all’arancio. Colori del tramonto, ma anche dell’alba; con una fine che inizia ancora. E ancora.
Capi che si possono indossare nel quotidiano o per una serata importante. La ricercatezza nell’impreziosire il jeans, l’elemento fashion più democratico del mondo, con una personalità unica. Nel backstage, mentre le modelle erano già pronte e si riposavano, ho potuto notare meglio i particolari: jeans tempestati di cristalli, ma come neanche fossero cristalli. Insomma, tutto dosato ad arte. Perchè di arte doveva trattarsi con una location così!
Il pezzo forte secondo me, come ho scritto sull’articolo che è stato pubblicato oggi su La Nuova Ferrara, è il trench. Non è facile ridimensionare o dare un nuovo colore al trench. Nell’immaginario si pensa sempre a quello di Burberry; dall’appeal austero, classico ed elegante. A volte il trench è proprio sinonimo di Burberry. Forse senza “a volte”!
Insomma, sono rimasta molto stupita dalla proposta Le Rock: versatile, contrastante, con un bicolore che provoca un piacevole effetto ottico e molto femminile. Ah, ovviamente tutti i capi della collezione hanno un’anima… rock!
Se siete di Ferrara e provincia, andate in edicola e acquistate il quotidiano La Nuova Ferrara. Leggete il mio pezzo, quando ricapiterà di vedere Ferrara capitale della moda per un giorno? Voi risponderete mai, ma io spero e credo molto presto! E se non siete di Ferrara potete leggere l’articolo qui.

Non perderti gli aggiornamenti quotidiani sulla mia pagina facebook!
The Glossy Mag – il fashion blog di Francesca Succi

11 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *