[NEWS] H&M IMPEGNATO IN UNA LOTTA BUONA E GIUSTA

H&M si è sempre dimostrato, oltre che democratico, anche al passo con i tempi. E su questo non avevamo dubbi. La notizia fresca dell’ennesimo traguardo di comunicazione e marketing del brand riguarda l’iniziativa mondiale per la raccolta ed il riciclo di abiti usati. 

Apro una piccola parentesi personale: molti strorcono il naso di fronte all’abito usato, ma poi amano il vintage che trattasi sempre di abito o accessorio usato (anche se di un certo livello di qualità e caratteristiche).
Io non ho mai trovato nulla di male nel vendere o acquistare abiti usati. Se l’abito in questione è in buono stato (e pure bello), perchè fare gli schizzinosi? Solitamente i mercatini che ritirano abiti usati li accettano solo se questi sono puliti e in buono stato, comunque sia, nel caso in cui non ci si fidasse, basterà mettere i capi acquistati in lavatrice con detersivo, ammorbidente e amuchina. E passa la paura!
In questo periodo di crisi la formula d’acquisto dell’abito con una seconda vita è molto in voga. Il trend dei mercatini in questo settore è tutto in crescita. E non riguarda solo l’abbigliamento!
Quindi, non capisco cosa ci sia di male in tutto questo. Forse alcuni si vergognano a dirlo, ma poi quando si recano a Londra vanno al mercato di Portobello road solo perchè fa “figo”. Non è forse contraddittorio?! Chiusa parentesi.

Come vi dicevo la catena svedese da febbraio 2013 ha deciso di raccogliere abbigliamento usato. Ogni cliente potrà portare il suo sacco di abiti, di qualsiasi marca e stato, e in cambio riceverà un buono spesa. Gli abiti raccolti verranno poi affidati ad I:Collect, partner ufficiale dell’iniziativa di H&M, il quale darà nuova vita ai capi raccolti. Il messaggio che vuole lanciare è unico: risparmiare risorse, rispettare l’ambiente e diminuire così i rifiuti di natura tessile.

C’è da dire che non è l’unico brand ad effettuare una campagna simile, prima di lui ce ne sono stati altri, ma il fatto che il messaggio venga da un marchio già low cost e di portata mondiale fa pronunciare in maniera spontanea una frase: chapeau ad H&M!

11 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *