NO PRESS DAY? NO PARTY! (CIOÈ)

A me piace guardare, si lo ammetto sono una fashion voyeur. Chiamatemi pure così. Più in generale, adoro osservare i trend. Qualsiasi trend in circolazione.
Mi sono messa a studiare seriamente quelli che riguardano i press day. Perchè nel mondo della moda pure le parole sono un trend. Ora è il momento di press day. Ora tutto è un press day. Ovunque c’è un press day. #stica…
Che poi alla fine cos’è ‘sto press day? Semplicemente una giornata di porte aperte dedicata ai giornalisti, blogger e opinion leader. Questi, grazie a due appuntamenti l’anno con cadenza ad aprile e novembre, possono visionare prodotti, fare recensioni o scrivere articoli e post.
E quindi, se scrivere “sono stata al press day di Pinco Pallo” non è proporre l’acqua calda, mi spiegate perchè ultimamente non si legge altro in giro?

Forse perchè dire sono stata al press day (o sono al press day) fa figo?! Oh signore, che ci guardi dal cielo! Vade retro press day, a questo punto. Sarà che mi sento più figa (se così si può definire la sensazione), se ottengo una intervista esclusiva o trascorro del tempo in un quartier generale del fashion a stretto-strettissimo contatto con gli addetti al settore. Io.

Secondo me si sta facendo confusione tra strumento e contenuto. A mio avviso è meglio scrivere un contenuto (serio e corretto) su un prodotto o servizio, che dare importanza allo strumento. O no? Per carità lo strumento può e dev’essere citato, ma perchè abusarne? 
Vabbè chiudo, mi aspetta il mio press-casalinga-day. E questo – ahimè – non me lo toglie nessuno!

5 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *