TUTTO CIÒ CHE SGUSCIA IN FONDO ALL’ARMADIO E NELLA SCARPIERA

scarpeguess
Vi è mai capitato di acquistare qualcosa e non indossarla subito? Oppure, peggio ancora, non usarla per nulla? Mea culpa, si! Però, per un senso etico di rispetto verso me stessa e il mondo, ho deciso di non cadere più nella sindrome dell’acquisto compulsivo di massa. O quasi.
A livello temporale la fine dell’estate sta arrivando e ieri ho deciso d’indossare qualcosa che avevo comprato due anni fa, ma che avrò usato due volte. Per stare in pace con me stessa e dire con il mio io: ok, l’ho consumato/a almeno un po’. L’acquisto ha avuto un senso!
Gli oggetti del pentimento di oggi rispondono ai nomi di scarpe e borse. Nel dettaglio si tratta di un paio di shoes e una borsa rossa – acquistati all’Outlet di Barberino del Mugello – che ho abbinato ad un vestitino bianco e sabbia (purtroppo non ho foto dell’outfit).
Le scarpe Guess sono una rivisitazione della zeppa anni ’50, in rosso laccato con fibbiona e chiusura con cinturino sulla caviglia. Sicuramente comode, però non adatte alle giornate lunghe 24-su-24-no-stop.
Per l’occasione, sempre in quella sessione, avevo preso anche questa shopper Kathy Van Zeeland dello stesso colore da abbinare alle suddette. Una borsa che adoro per la forma, ma faticosa da combinare con look quotidiani.
Senza farla troppo lunga… Morale? tutto ciò che sguscia in fondo all’armadio e nella scarpiera, lo si deve indossare almeno una volta; altrimenti diventa un rimpianto per una stagione intera! [Francesca Succi]

9 Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>