PER ME IL FASCINO FEMMINILE HA UN NOME E SI CHIAMA… PAOLA GORETTI

Ci sono poche donne che ammaliano altre donne. Ci sono poche donne che catturano me. Ho già detto più volte che se fossi stata uomo sicuramente mi sarei innamorata di Paola Goretti; ma per innamorarsi di lei non occorre uno status sessuale. La bellezza e l’essenza di Paola non pone – e si pone – confini o limiti di nessun tipo. Lei è bella così, come una diva degli anni ’20, e rapisce chiunque. 
Paola Goretti nel deserto del Sahara tunisino
Ho avuto il piacere di conoscerla e incontrarla in occasione dell’ultimo Smell Festival a Bologna. Dopo aver partecipato al suo workshop ne sono rimasta affascinata. Non ci sono parole per descrivere la sua dizione corretta, l’alito di vento con cui accompagna ogni parola, i singoli gesti… solo fascino. Puro fascino. E se lo dico io che sono una donna, dev’essere proprio così. 
Paola Goretti sotto il Partenone
Rapita dalla sua aurea di mistero, le chiedo subito di concedermi un’intervista. Me l’ha concessa. E non solo quella: su di me, come l’onda del mare che dona refrigerio dal caldo torrido, sono arrivate parole dolci come il miele. Si è fatta testimone indiretta di un momento importante della mia vita che andrò a suggellare i primi di settembre.
L’intervista che le ho fatto sarà pubblicata in occasione del primo numero di telegiornaliste.com dopo la pausa estiva. Una scelta che non è stata assolutamente dettata dal caso. Sono sicura che verrete travolti anche voi dalla sua magnificenza stilistica. E l’invito che vi do, una volta che avrò pubblicato il pezzo, è sicuramente quello di sgombrare la mente e farvi trasportare dalle emozioni. 
Paola Goretti a Marrakesh
Se vi state chiedendo “chi è Paola Goretti?”, vi accontento subito con qualche nota biografica. Si tratta di una cinquecentista di formazione, professore di Storia del Costume, lavora ai sistemi di “umanità vestita” mediante l’uso di fonti intrecciate. Attualmente, collabora alle attività scientifiche della Fondazione Ermitage Italia di Ferrara e a quelle di Villaggio Globale International, di Mogliano Veneto in provincia di Treviso, per l’organizzazione e la curatela di mostre (fonti biografiche). Inutile citarvi le numerose pubblicazioni che portano la sua firma.
Aspettate l’intervista. L’attesa accresce la curiosità.

6 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *