INTERVISTA//LEZIONI DI TRUCCO CON ANNALISA BETTI

Annalisa-per-Clarins
Oggi, nel mio blog, con immenso piacere ospito una professionista del settore beauty: Annalisa Betti. Giornalista professionista, si è sempre occupata di bellezza: ha iniziato nel 2000 ad Anna (l’attuale A) per poi collaborare con numerose testate femminili, tra cui Gioia, Donna Moderna, Più sani più belli, Starbene e Vanity Fair. Attualmente la sua occupazione principale è Beautytest, il suo sito personale che ruota attorno alle review di prodotti, SPA e centri benessere. Ha anche il suo blog Beauty Secrets. Inoltre, ha scritto un ebook, Lezioni di trucco per Bruno Editore. 
È stata consulente beauty per il canale shopping QVC in occasione dell’evento Estate in Bellezza, e ha gestito una chat su Facebook in cui ha dato consigli personalizzati.

Ma ora scambiamo quattro chiacchere con lei!

Come possiamo preparare la nostra pelle al trucco e quali accorgimenti quotidiani dobbiamo adottare? 
«La pelle perfetta per un trucco luminoso e a lunga durata è pulita e idratata. Per le pelli miste o tendenti al grasso è ideale una formula oil-free, cioè senza componenti oleose». 

  
Annalisa, da esperta di make up, puoi dirci cosa non può assolutamente mancare nella trousse di una donna? 

«Direi un mascara nero (personalmente, non concepisco altri colori, indipendentemente dalle tendenze), un fondotinta scelto in base al proprio tipo di pelle, e un rossetto scelto in base al proprio fenotipo. Questi sono i trucchi imprescindibili, ma aggiungerei un blush, più varie ed eventuali…».

Partiamo dalla base: primer o fondotinta? Che differenza c’è tra i due? 

«Il primer è una base pre make-up. Non è indispensabile, ma è una formula utile a levigare la pelle e a far durare il trucco più a lungo. Attenzione agli ingredienti: spesso i primer hanno una forte componente siliconica, statene alla larga perché è occlusiva». 

E per la cipria che fissa il make up, cosa consigli? 

«Benissimo come step finale del maquillage, e consiglio una nuance molto trasparente o comunque chiara. La sconsiglio invece come ritocco, perché tende a “impastare” il trucco e ad appesantirne l’effetto. Sono invece una fan delle veline opacizzanti, che hanno un’azione seboassorbente e lasciano intatto il make-up».  

Per gli occhi quali tonalità d’ombretto stanno bene proprio a tutte? 

«Il bianco e il taupe, un grigio-marrone con pigmenti caldi e freddi. Se usati bene e con una buona sfumatura, creano un look naturale che valorizza qualsiasi viso».

La matita nera: si o no? Se si, dove e perché? 

«Assolutamente sì, ma con cautela. Una donna con occhi piccoli non dovrebbe, in teoria, usarla come kajal, perché tenderebbe a rimpicciolire ulteriormente gli occhi. In cambio, lo sguardo diventa più profondo. La matita nera è sempre un’alternativa all’eyeliner sulla palpebra superiore, mentre lungo l’attaccatura delle ciglia inferiori “chiude” il trucco e sottolinea lo sguardo».

E per avere labbra sempre perfette? 
«Le labbra vanno trattate bene: anche per loro è perfetta la crema idratante o antietà che si usa per il viso, ma ci sono trattamenti ad hoc che hanno anche una componente lipidica. Il classico burrocacao è emolliente e protettivo, ma poco idratante. Non lo amo particolarmente, preferisco un balsamo specifico».

In chiusura ti chiedo un consiglio che sarà utile anche alle mie lettrici: quali pennelli per il trucco dobbiamo assolutamente avere? 

«Ti sorprende se ti consiglio solo quello per il blush? Certo, le perfezioniste vorranno anche quello per il rossetto, e sono d’accordo. E chi usa la cipria ne deve avere uno specifico, molto ampio e morbido».

Puoi dirci anche come curarli e detergerli?

«Certamente, vanno lavati periodicamente con lo shampoo, e lasciati asciugare con le setole verso il basso, per non deformarle. Oppure possono essere appoggiati orizzontalmente su di un asciugamano. L’importante è lavarli almeno ogni due settimane, per pulirli da sebo, polvere e residui di trucco. Questi consigli, e molti altri, sono nel mio ebook Lezioni di Trucco».
 

10 Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>