QUELLE FOTO A CUI TI AFFEZIONI. E NON SOLO TU

foto
Io credo che il potere della fotografia non abbia limiti di spazio e tempo. Credo che, sebbene ci stiamo evolvendo con tanti strumenti di comunicazione, la fotografia rimane l’indelebile manifestazione d’arte pura a cui nessuno può sottrarsi; anche per chi non vi esprime una passione smisurata. 
Non so a voi, ma a me capita sempre più spesso di affezionarmi agli scatti. Non solo quelli che mi ritraggono, intendo più in generale a tutto ciò che è di bello è stato fotografato. Da un ritratto a un paesaggio, da un particolare fino alla figura astratta. Per me tutto può essere catturato, ora più che mai. 
Una cosa che faccio poco per colpa del digitale, e per cui mi auto-rimprovero spesso, è la stampa delle foto. Vorrei e dovrei stamparne di più. Perchè se un giorno tutto ciò che possiedo su un supporto digitale andasse in fumo, non me lo perdonerei.
Un altro motivo per cui devo stampare è il seguente. Ho in mente da tanto tempo l’idea di tappezzare una parete della casa, o metà di questa, con tutte le foto che ho scattato in questi anni e che mi piacciono da impazzire. Se le attaccassi così, nude e crude, potrebbero rovinarsi (qualcuno che mi legge, e continua a dirmelo quotidianamente, si ritroverà in quest’ultima affermazione). Ma sviluppare una semplice idea creativa per rendere originale e personalizzata la propria abitazione, proteggendo al tempo stesso le foto da ogni sbalzo di temperatura polvere o altro agente atmosferico, esiste.

Eccola in tutto il suo splendore questa cornice maxi da appoggiare al muro, o semplicemente appendere nei quattro punti portanti, per inserire tutti gli scatti più belli. Se la trovassi in giro non esiterei ad acquistarla.

Altro rimedio potrebbe essere quello di attaccare ad ogni  fotografia una pellicola protettiva a caldo. Ho visto adoperare questa tecnica, nell’ultimo periodo, alle copertine dei libri scolastici. E l’applicazione non dovrebbe rovinare la superficie della foto!
Una volta protette, si possono utilizzare in svariati modi: attaccate alla lavagnetta di metallo in cucina con delle calamite (la versione preferita a cui mi sono lasciata andare); sulla parete in camera da letto, sopra le vostre testine quando dormite, formando un cuore o una stella;  stampandole su carta normale per formare collage su forme piane o solide. 
L’importante è usare la fantasia e… ricordate sempre: evviva la fotografia!

12 Comments

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>