Sab. Ott 19th, 2019

I RICORDI D’INFANZIA PIÙ BELLI

In questi giorni un po’ strani, pesanti e pensanti, mi stanno ritornando alla mente tantissimi ricordi; quelli d’infanzia che non sbiadiscono facilmente. Qualcuno mi ha accusato di rendere troppo pubblici i miei disagi, ma è così che riesco ad esorcizzarli meglio; come per togliere un masso pesante dall’anima.
L’ho sempre nominata, in qualsiasi intervista. Ne parlo con chiunque e sapete perchè? Perchè mi manca. Sono passati solo quattro mesi da quando è scomparsa mia zia, ma a me manca come l’aria. Mi manca il sentirla quotidianamente, anche solo al telefono. E quando torno a casa a Ferrara mi manca non sentirla più cantare, parlare con la sua voce squillante, gestire tutto il ménage familiare… mi manca ogni sua singola particolarità. Tanto che per sentirla più vicina, a ogni evento importante indosso qualcosa di suo. Ad esempio, sabato ho indossato la sua collana di perle (se ci fate caso si vede dalle foto).
Per ricordarla tutti i giorni e colmare questo vuoto, ho pensato pure di scrivere un libro e raccontare ciò che è stata per me. Una donna grande. Una grande donna sebbene fosse piccola di statura (e io l’ho sempre presa in giro per questo, affettuosamente). 
Quello che mi ha lasciato è tanta passione per questo mondo chiamato moda. Tanti oggetti che per me rappresentano un tesoro: bottoni, stoffe, rocchetti, un manichino, cartamodelli… insomma il suo mondo.

Un solo flashback: avevo 5-6 anni ed era estate, all’incirca questo periodo.  Io trascorrevo tutte le estati a casa sua oltre che tutte le domeniche dell’anno. Mi portava sempre con lei, ad ogni commissione o uscita per il tempo libero.

Quel giorno andammo da una ragazza che doveva sposarsi a cui stava facendo il vestito da sposa. Era a dir poco bellissimo. Io la osservavo mentre le perfezionava l’abito addosso con spilli e impunture provvisorie. 
In quei momenti mi prendeva in braccio e mi metteva seduta su un tavolo o una sedia. Io stavo buona e attenta come per ammirare un film alla televisione; e nel frattempo muovevo le gambe su e giù. Ad un certo punto ricordo di aver detto: «Vero zia che quando mi sposo lo fai anche a me il vestito?». E lei: «Certo! Facciamo quello più bello come le principesse».
Ritorno alla realtà: nell’ultimo periodo l’ago e filo l’aveva appeso al chiodo, ma a me a settembre sarebbe bastata solo la sua presenza.

14 thoughts on “I RICORDI D’INFANZIA PIÙ BELLI

  1. stupendo questo post, sai francesca, io sono molto restia a parlare della mia vita privata, la vita è stata un po’ dura con la sottoscritta… Mia madre l’ho avuta solo per i primi 5 anni della mia vita e mi ha lasciato un baule pieno di pizzi, merletti, cartamodelli e tessuti, proprio come tua zia, con il tempo ho cominciato poi a cucire e progettare moda e a fare della sua passione, la mia professione di oggi.
    http://WWW.PESCARALOVESFASHION.COM

    p.s. per tornare ad un po’ di allegria e allontanare i dispiaceri ti lascio il link del giveaway simpaticissimo che stiamo facendo! Spero parteciperai, sarei curiosa di leggere il tuo commento!
    VINCI FREE SHOPPING SU ZALANDO!

  2. Complimenti,ho trovato molto emozionante questo post :D
    Ti ammiro molto e ti invidio allo stesso tempo perchè io non sarei mai capace di sfogarmi e aprirmi in questo modo :D Questa situazione l’ho vissuta anche io e devo dire che la mancanza è forte però il ricordo ci permette di tenere in vita queste persone nonostante gli anni :D
    Ti mando un grossissimo bacio,Veronica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *