TI PIACE IL GIOCO L’ALLEGRO CHIRURGO? DIVENTA UN PRIMARIO!

blog1
Fonte TGCOM
Il mio titolo è ovviamente ironico, ma non si discosta molto dalla realtà dei fatti.
Non ho tante parole da esprimere di fronte a questo pezzo; oltrettutto neanche firmato e con qualche errore grammaticale. 
Voglio solo dire che mi sento alquanto arrabbiata come giovane donna che sta cercando di farsi strada nell’intricato mondo del lavoro come figura professionale qualificata (scusate le troppe parole utilizzate); proprio nel settore del fashion.
E arrabbiata non è il solo status che m’appartiene. Si aggiungono in ordine: demoralizzata e umiliata.
La demoralizzazione entra in scena quando leggo la superficialità con cui si racconta una passione. Perchè nessuno l’ha detto lì, ma i blog di moda sono nati principalmente per quello. Poi il meccanismo è diventato altro, ma l’origine è quella che conta. E la linfa vitale di un blog fatto con le due mani – utilizzate bene sulla tastiera del pc – e non con i piedi, è proprio la passione!
L’umiliazione avviene, in secondo piano per mandare giù un boccone amaro, quando si contrappone il sogno alla materialità. La freschezza e le risorse di un giovane, con le scorciatoie che non portano ad un futuro certo. Perchè, personalmente, una 2.55 vista in un outfit mi farà anche sognare, ma se non è incorniciata in un buon contenuto (e metto sempre il dito sulla piaga) c’è poco da girovagare con la fantasia. Per vederla e sognare posso andare direttamente sul sito Chanel che mi fornisce pure l’opzione di roteare l’oggetto del desiderio a 360° (per dire)!
Una blogger di successo non è seguita solo per tutto ciò che possiede, o le viene regalato, ma dalla sua storia, da come si pone, dal contesto… santiddio dalla personalità! Questo è il reale punto di forza! L’anello di congiunzione tra la blogger (fashion o food) e i suoi lettori.
Fonte TGCOM
Ho precisato pure per il settore food, perchè lo stesso messaggio si è abbattuto anche per questa categoria; cioè i food blogger.
Se siete curiosi di leggere l’articolo recatevi su Tgcom, ma vi prego se volete diventare una blogger di qualsiasi settore fatelo con criterio e cognizione di causa.
La rete non perdona!

Posso dirvi la verità? il titolo che avrei preferito leggere era questo: 
  

Giovani, volete combattere la crisi e il vostro precariato? continuate a studiare! Anche se serve a poco, non rimarrete (eterni) ignoranti.

7 Comments

  • Irene° scrive:

    mah non sanno più cosa scrivere…

  • Peggy boop scrive:

    giuro che il titolo mi ha fatto morire dalle risate! Sei diventata il mio mito!! anch’io ieri ho postato praticamente lo stesso tipo di post, perchè è davvero alliucinante quello che ho letto li….

  • Sere scrive:

    Ciao! stavo dando un’occhiata al tuo blog e devo dire che mi piace molto … sembra brutto quindi lasciare un commento su qualcosa che può invece sembrare un po’ spiacevole ma volevo solo esprimere un mio parere … davvero non sanno più che cosa scrivere come ha commentato Irene, in ogni caso credo che sulla grande vetrina di Internet alla fine premi la meritocrazia, ognuno ha la libertà di poter avere il suo spazio ma la differenza la fanno sicuramente i lettori e le persone che ti seguono e scelgono ogni giorno …come hai scritto tu alla fine é la propria vera personalità che emerge …buon lavoro!!!

  • Paola Dal Lago scrive:

    scandaloso, ho trovato il tuo blog seguendo il link di peggy boop, persone che scrivono articoli così dovrebbero o cambiare lavoro o studiare molto più a lungo prima di poter pubblicare dei pezzi -.-

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>