VENERDI: BEAUTY NAIL BAR A CASA

Diciamo che almeno una volta a settimana, salvo imprevisti dovuti a scheggiamenti e improvvise rotture delle unghie, curo le mie mani. Un rito a cui non posso mancare perchè ne sento la necessità. Quindi, dopo averle lavate e tenute in acqua dentro un recipiente per qualche minuto, sistemo le pellicine e passo alla sistemazione finale con limetta e smalto. Non so se questa è la corretta routine per la loro cura, ma alla fine il risultato è soddisfacente. Il mio.
Con la limetta cerco di dare a tutte le unghie la stessa forma e la stessa altezza. Più o meno. Poi dopo aver preso una quantità considerevole di crema nutriente, passo alla stesura dello smalto.
La mia routine
Ultimamente, mi sono fissata con questi. Li alterno a ruota usando il più delle volte quello basico e il rosso. Noterete dalla foto che la maggior parte sono della Essence. Che dire? Io mi ci trovo bene. Li ho pagati una sciocchezza, hanno una buona texure e la resistenza è ottima (con o senza topcoat, in fondo a sinistra). 
Il color turchese scuro e il rosso scarlatto sono della linea XXXL shine multi dimension.
Il primo da destra è l’Essence n. 75 Tryin’ to be cool. Il secondo, sempre da destra, è il n. 77 Call it fame. Il basico rinforzante e indurente di Sephora lo utilizzo quando non ho voglia di colori sgargianti. E alla fine, sempre su qualsiasi tonalità, il topcoat per rifinire il tutto.
Essence n. 75 Tryin’ to be cool
Essence n. 77 Call it fame
Sephora multi action
Essence high shine topcoat
Questa è limetta con cui mi sto trovando bene: una parte serve per levigare la punta dell’unghia e l’altra per lucidarla. Il costo ruota attorno a qualche euro (non ricordo di preciso perchè l’acquisto risale a qualche tempo fa). La consiglio assolutamente, come la maggior parte dei prodotti Kiko.
Limetta Kiko
Risulta comodissima grazie al suo astuccio: non lascia rimasugli di unghia in giro e s’inserisce in maniera ordinata nel beauty. 
Che colore utilizzo per il giorno della discussione della tesi? Io sono tra il basico e il rosso. Vedremo…

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *