TIFFANY MON AMOUR

Bracciale Tiffany

collezione Return to
Amo Tiffany da un bel po’ di tempo, forse prima di vedere il leggendario film con Audrey Hepburn a Colazione da Tiffany. Adoro il colore del packaging, battezzato oramai da tutti azzurro Tiffany, un po’ come amo il rosa (e chi mi conosce bene sa che il mio mondo è rosa letteralmente, e quasi, praticamente). Prima che diventasse un must have ho sempre sognato di possedere almeno un ninnolo (probabilmente è riduttivo chiamarlo così), marcato Tiffany. Anche solo uno. Ma che avesse un significato e che fosse acquistato in occasione di un momento importante della mia vita. Perchè possederlo per me significherebbe farlo coincidere con qualcosa da ricordare: vorrei vederlo al mio braccio ogni giorno e pensare “Ok, sei lì perchè ti ho acquistato in occasione di…o questo è il regalo di X e l’ho indosso perchè penso a questa persona”.
Questo è il momento giusto della mia vita per averlo: l’Università è finita (stavolta sul serio) e mi si sta aprendo un mondo nuovo, che in parte voglio tenere privato. Insomma, praticamente sarà il mio regalo di laurea. Da parte di qualcuno d’importante o direttamente dalla sottoscritta.

Alla fine, le “delizie” della moda, dovrebbero servire anche a questo: non una mera collezione, ma oggetti mitici per l’attribuzione di un significato speciale. Per ognuno personalizzato e diverso. Esclusivo ed emozionante. Proprio come un gioiello Tiffany!
E poco importa se è sdoganato e già alla portata di tutti, ciò che conta come ho già detto, è il significato.

Curiosità: Il bracciale in foto è il pezzo più venduto in casa Tiffany. La storia di questo marchio risale al 1837 grazie al suo fondatore Charles Lewis Tiffany.
Per mandare avanti la lunga tradizione del marchio, la maison ha affidato le linee ai designer Elsa Perretti, Paloma Picasso (figlia del pittore Pablo) e Jean Schlumberg. E nel 2006 entra in questa squadra l’architetto americano Franck O.Gehry. Sin dagli albori il metallo più utilizzato dal marchio è l’argento. Ancora oggi, la maggior parte dei gioielli proposti e venduti, è in argento.

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *