MILANO FASHION WEEK: CALA IL SIPARIO, INIZIA IL MIO RESOCONTO (PARTE SECONDA)

XMTtjbm1pX2Ntc3BpY3R1cmU7aW1hZ2U7aWQ7MTA1NjA-__W690H490R14Bffffff___83f0a8d8
Riprende il mio viaggio nella terminata Milano Fashion Week. Ho altro materiale da presentare. Ricordatevi le linee guida che avevo descritto nel post precedente: salti tra mode degli anni ’50 e anni ’80. In alcuni brand, ora, troviamo anche del fluo!
Partiamo con Iceberg. La collezione autunno/inverno si basa su tre colori: bianco, nero e blu elettrico. La lana comoda nei maglioni e pelliccia per le giacche. Le stampe stravanganti irrompono, per evitare di appiattire uno dei momenti più gelidi dell’anno. Voto: 6

Iceberg
Credits: Photo Gallery Camera della Moda

La donna Moschino è eccentrica, con tratti texani e spagnoli. Si ripropongono in passerella elementi evergreen: cinture con il nome del brand (un must tra le fashion blogger), i cuori e il matellasè. Ritornano, come negli anni ’80, le borse con cintura in vita (vi ricordate i marsupi?). La maison ha mescolato bene le mode dei due decenni cinquanta e ottanta. Bellissime le cappe lucide ricoperte di raso. Le linee di alcuni capi mi hanno ricordato una collezione di Chanel. Comunque, il parrucco è notevole: maxi chignon cotonato alla Amy Winehouse chiuso con foulard a fiocco. Nero! Voto: 8

Moschino
Credits: Photo Gallery Camera della Moda
Moschino
Credits: Photo Gallery Camera della Moda
Blumarine inizia con pellicce dai toni fluo, bag in cordinato e outfit basici. Per Blumarine ampio spazio al grigio perla – persino nei leggins – e l’animalier (intramontabile!). La donna Blumarine è decisamente futurista: sdrammatizza un tailleur con il lamè! Accessori: orecchini maxi maxi maxi e patacche al collo; alquanto discutibili. Voto: 6
Blumarine
Credits: Photo Gallery Camera della Moda
L’altra faccia di Anna Molinari è rappresentata da Blugirl (che io ho sempre approvato, adorando in particolare le bag). Per questa linea rimaniamo sul basico, giocando con il blu e il rosso. Accostamenti pastello tra azzurro acquamarina e rosa antico. La ragazza di Blugirl è uno yeti di classe. I tubini neri sono qualcosa di già visto, ma sempre apprezzato. Voto: 7
Blugirl
Credits: Photo Gallery Camera della Moda
E arriva la rivelazione, per me, di questa fashion week: John Richmond. Si abbassano i toni del brand per dare spazio alla donna che abbiamo visto in tutte le passerelle: bon ton, ma di carattere! Della sfilata mi è piaciuto il trucco, con eye liner deciso e scolpito con coda verso l’alto, e il parrucco. Gli occhiali da sole che hanno sfilato mi ricordano un po’ Matrix, ma nel contesto ci stanno. I pants sono morbidi e ampissimi: sembrano gonne. Voto: 8
John Richmond
Credits: Photo Gallery Camera della Moda
Altra sfilata che merita attenzione, e un voto positivissimo, è quella di Paola Frani. Mi piace il taglio e il motivo di ogni abito. Ho notato in un outfit un coprispalla in pelliccia in verde (argh! ne avevo visto uno da Rinascimento in super sconto!) che andrà per la prossima stagione. Una collezione per tutte le donne: dalla romantica alla più decisa. Voto: 10
Paola Frani
Credits: Photo Gallery Camera della Moda

Concludo, dal mio punto di vista, questa carrellata di stile con Gucci. Frida Giannini ha proposto una donna dark, dal trucco fino alla punta delle scarpe. Abbiamo molto nero, verde bottiglia e vinaccia. Si gioca sulle trasparenze e i tessuti pesanti. Un pezzo originale, proposto solo da questo marchio, è un loden total black che sembra il mantello di una strega; pensando un po’ alle favole. Effettivamente, ogni donna è anche un po’ strega! Voto: 8
Gucci
Credits: Photo Gallery Camera della Moda

Gucci
Credits: Photo Gallery Camera della Moda
E ora che abbiamo terminato con Milano, tutti a Parigi!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

MILANO FASHION WEEK: CALA IL SIPARIO, INIZIA IL MIO RESOCONTO (PARTE PRIMA)

CL
Cala il sipario sulla Milano Fashion Week. Io l’ho vissuta a distanza, con uno sguardo ai miei problemi e uno sulle passerelle. Poi, guardandomi in giro e visionando gallery e video, ho dedotto una conclusione. Le collezioni e gli stilisti che mi hanno colpito sono molteplici: Chicca Lualdi, Lorenzo Riva, Dsquared2, Giorgio Armani, Emporio Armani, Dolce e Gabbana, Salvatore Ferragamo, Byblos, Mila Schon, Emilio Pucci, Massimo Rebecchi, Jil Sander, Iceberg, Moschino, Blumarine, Blugirl, John Richmond, Paola Frani e Gucci.
In linea generale, il prossimo autunno/inverno sarà un salto verso gli anni ’50 e il bon ton. Alcuni hanno osato anche con delle ispirazioni anni ’80, con pantaloni larghi e stretti alla caviglia e tessuti in lamè.

Quindi, se potete, andate a rivisitare i pezzi cult della mamma e della nonna. Prendete spunto e… DIY!

Ora, per ogni stilista, ho scelto una foto e una descrizione generale della collezione. Seguitemi!!!
L’autunno/inverno di Chicca Lualdi con Bee Queen è puro ed etereo. Ho trovato del bianco e panna, anche un tocco, in quasi tutti i capi. Persino il nero, così tenebroso e scuro, sembra chiaro e tanto satin! Le linee sono morbide e fluide, sembrano voler valorizzare i fianchi. Voto: 7

Chicca Lualdi Bee Queen
Credits: Photo Gallery Camera della Moda
Lorenzo Riva propone bon ton e classe all’ennesima potenza. Siamo di fronte ad una nome che è una garanzia. L’intera collezione mi ricorda il look delle sorelle Fontana: le apripista del classico intramontabile. Tra cappottini, tubini e manicotti c’è da perdersi…in un mondo incantato. Voto: 9

Lorenzo Riva
Credits: Photo Gallery Camera della Moda
E’ il turno di Dsquared2, dove approvo non solo gli abiti ma anche il trucco e il parrucco. La donna di questo brand è una Brigitte Bardot contemporanea. Una donna seducente, dolce e a tratti aggressive (molte modelle hanno sfilato con la sigaretta accesa). Voto: 7

Dsquared2
Credits: Photo Gallery Camera della Moda


Giorgio Armani
, Re Giorgio. Propone linee basiche che non lasciano intravedere la femminilità, quella estrema. Perchè la donna di Armani non ha bisogno di stratagemmi maliziosi e pelle scoperta, questa donna seduce con lo sguardo e la testa! Quest’ultima sapientemente coperta da un borsalino particolare; come se volesse coprire astutamente l’occhio… Voto: 7

Giorgio Armani
Credits: Photo Gallery Camera della Moda

E arriviamo alla corte sicula di Dolce e Gabbana. Siamo di fronte ad una manifestazione teatrale e barocca della Sicilia di oggi. Quella attaccata alle tradizioni, ma con uno sguardo in avanti. Il nero impera, ma anche tante stampe e pizzo. Come sempre. Le modelle hanno sfilato con un parrucco definito: capelli raccolti e riga in mezzo. Un diadema, come una corona, incorniciava il volto. Nella foto che ho scelto per rappresentare la collezione dettagli degni di nota: il colletto, la preziosa cintura, le parigine (non per tutte, purtroppo!) e i polacchini.  Voto: 6

Dolce e Gabbana
Credits: Photo Gallery Camera della Moda

Salvatore Ferragamo propone una donna austera. Gioca sul nero e sui tessuti: dalla pelle al pizzo. Gli accessori fanno la differenza: collari, orecchini e borse. I cappotti proposti sono con la chiusura “alla soldato”.  Gli abiti con gli intarsi sono preziosi e superlativi. Voto: 8

Salvatore Ferragamo
Credits: Photo Gallery Camera della Moda

Byblos. Approdiamo nella tavolozza dei toni pastello. La donna Byblos è tradizionalista, con i tubini e le giacchine a manica 3/4, ma anche futurista con i leggins fluo e laminati. Una collezione azzeccata. Unica nota negativa, il trucco: accentuato solo nella parte inferiore dell’occhio. Per il resto…voto: 6.

Byblos
Credits: Photo Gallery Camera della Moda


E ora, Mila Schon. Ho adorato questa collezione dal primo all’ultimo pezzo visionato. Gonne a ruota e rosso in tutte le tonalità. La donna di Mila Schon è classica, ma non scontata. Un salto nel passato, che non è propriamente passato, ma superpresente. Voto: 9+

Mila Schon
Credits: Photo Gallery Camera della Moda

Emilio Pucci
per il prossimo autunno/inverno si rifà ad un trend già assodato: il nero, il velvet e l’effetto vedo/non vedo. I dettagli sui tubini sembrano strappi o saette. Pucci ci propone anche tubini in pelle con stampa in cocco. Gli altri abiti sfilano con stampe particolari, tutti tendenti ai toni freddi. Ciò che ho apprezzato sono le calzature: stivali e decolté. Voto: 7

Emilio Pucci
Credits: Photo Gallery Camera della Moda

Autunno/inverno sagace quello di Massimo Rebecchi. Ho apprezzato moltissimo l’abbinamento dei colori nero e giallo luminoso. La donna di Rebecchi è quella che incrociamo tutti i giorni: dalla manager alla fashion addicted. Per Massimo Rebecchi ritornano in auge i colletti come accessorio per adornare il collo. Il trucco proposto merita approvazione. Voto: 8+

Massimo Rebecchi
Credits: Photo Gallery Camera della Moda


Jil Sander
mi ha commosso. Ha suscitato delle vere e proprie ovazioni l’ultima sfilata di Raf Simons. In questa collezione c’è tutto ciò che una donna può desiderare: contrasti, delicatezza e ricercatezza. Scorrendo la gallery mi sono venute in mente Grace Kelly, Jackie Kennedy e Audrey Hepburn quando interpretò Sabrina. Voto: 10

Jil Sander
Credits: Photo Gallery Camera della Moda
 (continua)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>