IL (MIO) MONDO IN UNA BORSA

Presa da forte ispirazione, visto che dentro di me vive una bag-addicted, ho deciso di partecipare al contest di Gazduna: Me, my bag and I. Ho preso la mia borsa, riversato il contenuto sul pavimento, scattato una foto e inviato tutto. Senza neanche pensarci. 
Il risultato? Sarà pubblicato a breve, con tanto di profilo psicologico definito da Ma Belle (chi?!). Sono proprio curiosa di sapere cosa dirà di me. 
Di una che ama la borsa importante, ma non riesce a fare a meno delle salviettine Pampers (si avete capito bene, le Pampers), perchè più dolci e delicate di tutte le altre in commercio. Provare per credere. Quella che si porta dietro, tra gloss e burrocacao, un centro commerciale. Oppure colei che ha sempre con sè il porta assorbenti e salvaslip; tendenti al rosa!
Ipod dipendente fino allo sfinimento, ma non mio. Il povero lettore sta perdendo pezzi per quante volte l’ho portato con me a piedi, in bici e in corsa. Quanti auricolari rotti, spezzati, sfilacciati…ma per la musica questo è altro?!
Gli strumenti del mestiere, penna-quaderno-pass/stampa, ci sono; forse i più seri. Ma comunque in ogni borsa, nelle borse delle donne, c’è un mondo. E questo è il mio!

On air – Malika Ayane Feeling Better

Tags

2 Comments

  • Federica P. ha detto:

    bello questo post…per capire cosa c’e’ nella mia borsa dovrei svuotarla …c’e’ di tutto di piu’…ti basti che alcune volte quando suona il cellulare prima di trovarlo tiro fuori solitamente un paio di macchinine del mio bimbo….
    ti seguo se ti va passa da me e seguimi…

  • Francesca ha detto:

    Ciao Federica, grazie! Guarda io evito di tenere il cellulare in borsa, altrimenti rischierei di non rispondere a nessuna chiamata #sob!
    Ti seguirò anche io ;-) Baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *